NEWS

Reading party: l'unione di arte, natura e lettura

Dal giardino di palazzo Nicotera, l'iniziativa nata a News York arriva a Trame e offre un'ora di tranquillità e cultura lontano dalla frenesia quotidiana

Condividi:

di Serena Savatteri

 

Il connubio tra arte e natura è unico e l’uomo lo aveva già capito in passato. Nonostante ciò, è da segnalare una nuova tendenza partita da New York e arrivata fin qui, al Trame Festival: si tratta del “reading party”, un’iniziativa ideata da quattro giovani ventenni, Ben Bradbury, Charlotte Jackson, John Lifrieri e Tom Worcester. A seguito del successo dei primi incontri, il format è stato consolidato fino alla nascita dei Reading Rhythms, con un coinvolgimento sempre maggiore di persone e l’espansione globale del fenomeno. 
Un “reading party” è un incontro tra i lettori che desiderano un momento di distacco dalla frenesia generata dal progresso. Per parteciparvi, sono necessari un libro da leggere e la tranquillità dell’ambiente circostante. 
È quello che è avvenuto ieri mattina nei giardini di palazzo Nicotera, grazie ad un’iniziativa proposta dalla Fondazione Trame, che ha visto una dozzina di volontari godersi un’ora libera di lettura, insieme seppur da soli, nella serenità reciproca. 
Tale avvenimento, dimostra come non sempre il silenzio sia la causa di barriere sociali e incomprensioni, ma rappresenti anche un’occasione irripetibile di arricchimento culturale. Se ad esso è abbinato persino un ambiente naturale nel quale immergersi, l’esperienza diventa irripetibile e coinvolgente.  
Le opere sfogliate dai volontari spaziano tra vari temi, dalla paradossalità di Aspettando Godot di Samuel Beckett, alla classicità di Circe di Madeline Miller, dal carattere riflessivo de L’Ultima notte della nostra vita di Adam Silvera al fantascientifico La Torre Nera di Stephen King, dal contesto storico di La guerra delle donne di Alexandre Dumas alla profondità di La Campana di Vetro di Sylvia Plath. 
La necessità di iniziative di questo genere, che coniugano perfettamente tranquillità, cultura e condivisione, è tanto palese quanto impopolare al giorno d’oggi. Non siamo più abituati a ragionare fuori dagli schemi, a costruire un’opinione che non sia il rigurgito della crescente massificazione, a dissociarci dai modelli di pensiero cinici e freddi imposti dai ritmi vertiginosi e socialmente attuali. 

ULTIMI ARTICOLI

Aggregatore Risorse

Il tema degli interessi della criminalità per l’arte e degli strumenti di contrasto al fenomeno nell’incontro organizzato dalla Fondazione Trame al Museo Archeologico Lametino

L’evento si è svolto nell’ambito della mostra "Visioni Civiche. L'arte restituita"


Martedì 16 luglio l'evento L'ARTE RECUPERATA L'ARTE RESTITUITA. GLI STRUMENTI DI TUTELA PER I BENI CULTURALI

Nell’ambito della mostra "Visioni Civiche. L'arte restituita" inaugurata in occasione della tredicesima edizione del festival dei libri sulle mafie


Il Presidente Occhiuto in visita oggi alla mostra “Visioni Civiche. L’arte restituita” promossa dalla Fondazione Trame

Occhiuto: “Un modello che deve essere replicato”


A Trame13 le opere d’arte confiscate alle mafie nell’inedito progetto espositivo “Visioni Civiche - L'arte restituita. Dalle opere confiscate alle mafie al bene comune”

La mostra è gratuita e visitabile fino al 28 luglio presso il Museo Archeologico Lametino


TRAME

Menù di navigazione

TRAME365

Menù di navigazione

ABOUT

Menù di navigazione