NEWS

Il coraggio di Peppe Valarioti: una storia di lotta contro la 'ndrangheta

A Trame, la memoria del primo politico assassinato dalla mafia calabrese

Condividi:

di Francesco Galati

 

Durante la sesta ed ultima giornata del festival Trame, nella corte del palazzo Nicotera-Severisio, Giovanni Tizian, direttore artistico del festival, ha parlato della storia di Giuseppe Valarioti, primo politico assassinato dalla ‘ndrangheta, con Giuseppe Lavorato, già deputato e dirigente del Pci, Nuccio Iovene, presidente della Fondazione Trame, e Debora Scandinaro dell’associazione Officine n. 8.

Giuseppe, detto Peppe, Valarioti era un dirigente della sezione di Rosarno del Pci, attivissimo negli anni ‘70 nella denuncia dei fenomeni corruttivi di stampo mafioso che riguardavano soprattutto l’intercettazione dei fondi dell’investimento straordinario nel Mezzogiorno: «lo Stato italiano, per la prima volta nella sua storia, aveva destinato miliardi per costruire porti, aeroporti, strade, autostrade, scuole, ospedali, asili – ricorda Lavorato – e questi miliardi venivano rubati da questa congrega affaristico-mafiosa». 

Spinta dagli infervorati comizi di denuncia dei giovani attivisti del Pci, la popolazione rosarnese decise di dare un massiccio supporto elettorale al Partito Comunista, inviando così un forte messaggio di ribellione al controllo ‘ndranghetistico sul territorio. Proprio al fine di sedare tale sentimento, nella notte dell’11 giugno 1980, Peppe Valarioti muore assassinato a colpi di lupara. «La matrice mafiosa e il movente politico furono subito realistici; la ‘ndrangheta stessa volle rivelare la sua mano per terrorizzare il movimento di lotta che in quegli anni era sbocciato nella piana di Gioia Tauro», spiega Lavorato.

Purtroppo, come in altri casi analoghi, il processo volto a condannare i responsabili si concluse con l’assoluzione degli imputati, benché dalla testimonianza del pentito Pino Scriva emerse l’implicazione delle ‘ndrine Pesce e Piromalli. «Fino a quando dovremo assistere a una giustizia negata?», si chiede Iovene, il quale evidenzia che la forza delle battaglie di quegli anni, sfidando il tempo, continua ad alimentare ancora oggi i movimenti antimafia calabresi.

A Valarioti e alla sua lotta è dedicata la Casa del Popolo di Rosarno, gestita dall’associazione Officine n. 8, il cui scopo è «trasmettere cultura, sia politica che generale», spiega Scandinaro, affermando l’importanza della divulgazione della memoria storica, perché «sono cambiati i tempi, sono cambiati i modi, ma le dinamiche sono sempre le stesse e si ripetono nel tempo».
 

ULTIMI ARTICOLI

Aggregatore Risorse

Il tema degli interessi della criminalità per l’arte e degli strumenti di contrasto al fenomeno nell’incontro organizzato dalla Fondazione Trame al Museo Archeologico Lametino

L’evento si è svolto nell’ambito della mostra "Visioni Civiche. L'arte restituita"


Martedì 16 luglio l'evento L'ARTE RECUPERATA L'ARTE RESTITUITA. GLI STRUMENTI DI TUTELA PER I BENI CULTURALI

Nell’ambito della mostra "Visioni Civiche. L'arte restituita" inaugurata in occasione della tredicesima edizione del festival dei libri sulle mafie


Il Presidente Occhiuto in visita oggi alla mostra “Visioni Civiche. L’arte restituita” promossa dalla Fondazione Trame

Occhiuto: “Un modello che deve essere replicato”


A Trame13 le opere d’arte confiscate alle mafie nell’inedito progetto espositivo “Visioni Civiche - L'arte restituita. Dalle opere confiscate alle mafie al bene comune”

La mostra è gratuita e visitabile fino al 28 luglio presso il Museo Archeologico Lametino


TRAME

Menù di navigazione

TRAME365

Menù di navigazione

ABOUT

Menù di navigazione