NEWS

Coraggio e resilienza: la storia di Antonio Vavalà

L'imprenditore che ha denunciato i suoi aguzzini racconta la sua lotta per la giustizia e il sostegno ricevuto dalla famiglia e dalle associazioni Antiracket.

Condividi:

di Gilberto Villella

 

Nella terza giornata di Trame, festival dei libri sulle mafie, si è svolto il secondo incontro di "Storie di donne e uomini che resistono", guidato da Pietro Comito, con l'imprenditore Antonio Vavalà. Vittima della mafia, è finito nel vortice dell'usura e delle estorsioni finchè, un giorno, ha deciso di mettere un punto alla sua situazione denunciando i suoi aguzzini.
Nel raccontare le vicende ricorda, con le lacrime agli occhi, la forte paura di perdere tutto, dal non poter rivedere più i figli e la moglie al dovere chiudere l'azienda. Illustra l'immagine del figlio più grande che, avendo capito cosa stava accadendo, guarda con orgoglio il padre mentre si liberara da quella situazione asfissiante. E della moglie, la quale lo aiuta a uscire dall'incubo che stanno vivendo, fornendo tutto il supporto possibile tanto da sollecitare le forze dell'ordine nel soccorrere il marito nell'imminente pericolo. Oltre alla famiglia, ringrazia calorosamente le associazioni Anti-racket che lo hanno seguito in tutto l'iter giudiziario, dalla denuncia alle testimonianze e all'essere finalmente libero dalla sua condizione. È necessario alzare la testa e affrontare queste persone e dunque mettersi sulla strada giusta, quella della giustizia. A seguito dei molti applausi che si succedevano durante la testimonianza Comito ha concluso affermando che "la nostra partita la stiamo vincendo."

ULTIMI ARTICOLI

Aggregatore Risorse

Il tema degli interessi della criminalità per l’arte e degli strumenti di contrasto al fenomeno nell’incontro organizzato dalla Fondazione Trame al Museo Archeologico Lametino

L’evento si è svolto nell’ambito della mostra "Visioni Civiche. L'arte restituita"


Martedì 16 luglio l'evento L'ARTE RECUPERATA L'ARTE RESTITUITA. GLI STRUMENTI DI TUTELA PER I BENI CULTURALI

Nell’ambito della mostra "Visioni Civiche. L'arte restituita" inaugurata in occasione della tredicesima edizione del festival dei libri sulle mafie


Il Presidente Occhiuto in visita oggi alla mostra “Visioni Civiche. L’arte restituita” promossa dalla Fondazione Trame

Occhiuto: “Un modello che deve essere replicato”


A Trame13 le opere d’arte confiscate alle mafie nell’inedito progetto espositivo “Visioni Civiche - L'arte restituita. Dalle opere confiscate alle mafie al bene comune”

La mostra è gratuita e visitabile fino al 28 luglio presso il Museo Archeologico Lametino


TRAME

Menù di navigazione

TRAME365

Menù di navigazione

ABOUT

Menù di navigazione