NEWS

Trame torna in classe

La Fondazione Trame rinnova il suo impegno negli Istituti Scolastici del lametino

Condividi:

#Trameascuola riparte nel 2023 portando tra i banchi i temi della legalità, dei diritti e della lotta alle mafie con i libri che meglio raccontano e analizzano la realtà del nostro Paese e i fenomeni criminali.

Anche quest’anno il progetto prevede il contributo di alcune tra le personalità più autorevoli del panorama giornalistico e letterario italiano e, a partire dal prossimo 20 febbraio, porteranno la propria esperienza nelle classi del lametino i giornalisti Giovanni Bianconi e Giovanni Tizian, l’ex magistrato Gherardo Colombo, gli scrittori per ragazzi Daniele Nicastro e Pino Pace, la direttrice  della casa editrice Coccole Books Daniela Valente.

Il progetto è un percorso didattico e formativo che mette al centro i libri.

La lettura, con gli strumenti forniti dalla Fondazione Trame, sarà guidata dagli insegnanti e si concluderà con un’intervista all’autore condotta dagli studenti stessi.

Al centro degli incontri proposti quest’anno anche la Costituzione italiana, a partire dal contesto in cui è nata, per ri-conoscere l’universalità senza tempo dei suoi principi e gli articoli che ancora oggi fanno discutere. Negli Istituti Comprensivi  sarà Pino Pace a proporre l’argomento, con il suo Viaggio nella Costituzione, Coccole Books 2022, mentre le classi secondarie di secondo grado avranno l’opportunità di leggere le pagine preziose dell’ex magistrato protagonista di Mani Pulite Gherardo Colombo: Anche per giocare servono le regole, edito da Chiarelettere Ri-creazioni. 

Il cronista del Corriere della Sera Giovanni Bianconi porterà nelle aule i temi del terrorismo e della mafia eversiva affrontati nel suo ultimo lavoro Terrorismo, Treccani 2022. L’appuntamento, che inaugura gli incontri con gli autori, si svolgerà in collaborazione con Treccani Cultura e Fondazione Occorsio. Un’occasione speciale questa, che mette in rete più scuole italiane prevedendo l’adozione di ciascuna classe partecipante da parte di un tutor per un lavoro guidato di ricerca storica focalizzato sullo studio del terrorismo degli anni Settanta-Ottanta e sulla cultura della legalità, che impegnerà i ragazzi coinvolti per oltre un anno. 

Sull’onda delle commemorazioni del trentennale delle stragi del 1992, Giovanni Tizian, direttore artistico di Trame.Festival, racconterà la sua personale esperienza degli anni che hanno cambiato le sorti del Paese: le stragi di mafia in Sicilia e l’attentato che, poco dopo, lo colpì in prima persona, l’omicidio di suo padre Peppe, vittima innocente di ndrangheta che non ha ancora ottenuto giustizia, ne Il silenzio. Italia 1992-2022, Laterza 2022.

Agli Istituti Comprensivi sono riservati il romanzo d’esordio di Daniele Nicastro, Grande, Edizioni El, che parla di crescita, amicizia e mafia attraverso la storia di un ragazzino del nord in vacanza in Sicilia, e il complesso tema dei beni confiscati alle mafie con il racconto Nino e la mafia di Anselmo Roveda, Coccole Books, che vedrà l’intervento di Daniela Valente, editor e scrittrice, animatrice di laboratori di scrittura creativa nelle scuole.

Aderiscono al progetto #trameascuola della Fondazione Trame, voluto dalla responsabile Maria Teresa Morano e coordinato dalla referente  Claudia Caruso, l’Istituto Comprensivo Borrello-Fiorentino, l’Istituto Comprensivo Nicotera-Costabile, l’Istituto Comprensivo Sant’Eufemia, l’Istituto Comprensivo Perri-Pitagora, l’Istituto Comprensivo Don Milani, l’Istituto Comprensivo Manzoni-Augruso, l’Istituto Comprensivo Don Maraziti di Marcellinara, il Liceo Classico Artistico F. Fiorentino, il Liceo Scientifico G. Galilei, l’Istituto tecnico economico De Fazio, il Liceo Tommaso Campanella, l’Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri e Ristorativi "L. Einaudi", l’Istituto Superiore Polo Tecnologico C. Rambaldi.

Alcune delle classi coinvolte avranno l’opportunità di incontrare anche i soci dell’Associazione Antiracket Lamezia e testimoni che hanno vissuto direttamente o indirettamente l’esperienza della denuncia, come la giovane volontaria di Trame Veronica Palmieri.

Quello nelle scuole è un progetto fortemente voluto dalla Fondazione Trame, che ha l’obiettivo di sensibilizzare le coscienze e il pensiero critico dei più giovani sui temi della democrazia, della memoria e della responsabilità collettiva, spaziando con tematiche attuali quali giustizia e discriminazioni, lotta all’omertà e all’indifferenza, e stimolando l’impegno civico cui tutti siamo chiamati.

ULTIMI ARTICOLI

Aggregatore Risorse

L’arte come strumento per contrastare le mafie

Lo speciale "Trame" al Lamezia International Film Festival 2024


Il tema degli interessi della criminalità per l’arte e degli strumenti di contrasto al fenomeno nell’incontro organizzato dalla Fondazione Trame al Museo Archeologico Lametino

L’evento si è svolto nell’ambito della mostra "Visioni Civiche. L'arte restituita"


Martedì 16 luglio l'evento L'ARTE RECUPERATA L'ARTE RESTITUITA. GLI STRUMENTI DI TUTELA PER I BENI CULTURALI

Nell’ambito della mostra "Visioni Civiche. L'arte restituita" inaugurata in occasione della tredicesima edizione del festival dei libri sulle mafie


Il Presidente Occhiuto in visita oggi alla mostra “Visioni Civiche. L’arte restituita” promossa dalla Fondazione Trame

Occhiuto: “Un modello che deve essere replicato”


TRAME

Menù di navigazione

TRAME365

Menù di navigazione

ABOUT

Menù di navigazione