NEWS

A Trame13 le opere d’arte confiscate alle mafie nell’inedito progetto espositivo “Visioni Civiche - L'arte restituita. Dalle opere confiscate alle mafie al bene comune”

La mostra è gratuita e visitabile fino al 28 luglio presso il Museo Archeologico Lametino

Condividi:

De Chirico, Ligabue, Lodola, Caruso. Sono solo alcuni dei nomi dei più grandi maestri del Novecento le cui opere sono state sequestrate alla criminalità organizzata e riunite, per la prima volta, nell’inedito progetto espositivo “Visioni Civiche - L'arte restituita. Dalle opere confiscate alle mafie al bene comune”. In mostra nel Complesso Monumentale di San Domenico di Lamezia Terme, sede del Museo Archeologico Lametino, dal 18 giugno al 28 luglio, la mostra è stata presentata dalla Fondazione Trame ETS e dall’Associazione MetaMorfosi, con il Patrocinio del Ministero degli Interni ed il sostegno della Fondazione CDP. 
Curata dal professor Lorenzo Canova, la collezione prevede la presenza di quarantaquattro opere confiscate alle mafie e attualmente nelle disponibilità dell'Agenzia dei beni confiscati e della Città Metropolitana di Reggio Calabria. 
Occasione per la presentazione della mostra, in un simbolico allineamento di temi e obiettivi, è il Festival dei libri sulle mafie Trame. «In un momento in cui sembra essere diminuita la percezione della pericolosità delle mafie – spiega Nuccio Iovene, presidente della Fondazione Trame ETS - è necessario mantenere alta l’attenzione su di esse e sulle loro attività e dare la rappresentazione reale alla capacità di mettere le mani su affari e settori apparentemente lontani, come il mercato delle opere d’arte».

In esposizione, infatti, le opere sequestrate al "re dei videopoker", noto boss mafioso Gioacchino Campolo, già presenti al Palazzo Crupi di Reggio Calabria, e quelle sequestrate a Gennaro Mokbel, finanziere vicino alla Banda della Magliana, mai esposte finora. «Questo progetto – spiega Lorenzo Canova curatore della mostra - nasce come segno fondato sulla forza simbolica delle arti visive, uno spazio di legalità e di condivisione civica frutto di due nuclei di opere d’arte confiscate alle mafie». Arricchisce sorprendentemente il percorso anche un quadro falso di Giorgio Morandi: «Un documento paradossale che ci fa capire come anche i criminali possano, con ogni probabilità, essere vittime di una truffa» conclude Canova.

Il taglio del nastro, effettuato dai volontari di Trame Festival, ha visto anche la partecipazione della sottosegretaria al Ministero dell’Interno Wanda Ferro, la quale ha dichiarato come «la sottrazione di queste opere e la loro restituzione alla fruizione pubblica rappresentano una vittoria delle istituzioni e di quella società civile, ben rappresentata da Trame, che ha compreso come la lotta alle mafie sia un impegno che richiede la partecipazione attiva di ogni cittadino». Il direttore dell’Agenzia dei Beni confiscati ha sottolineato «il valore simbolico delle opere confiscate, espressione virtuosa della capacità dello Stato di restituire ai territori beni culturali illecitamente accumulati per favorirne il senso di appartenenza».
Nel corso del Festival la mostra aveva già registrato oltre seicento presenze. In tutto il mese di giugno i visitatori sono stati ben 1149.
La mostra è gratuita e visitabile ancora fino al 28 luglio.

ULTIMI ARTICOLI

Aggregatore Risorse

Il tema degli interessi della criminalità per l’arte e degli strumenti di contrasto al fenomeno nell’incontro organizzato dalla Fondazione Trame al Museo Archeologico Lametino

L’evento si è svolto nell’ambito della mostra "Visioni Civiche. L'arte restituita"


Martedì 16 luglio l'evento L'ARTE RECUPERATA L'ARTE RESTITUITA. GLI STRUMENTI DI TUTELA PER I BENI CULTURALI

Nell’ambito della mostra "Visioni Civiche. L'arte restituita" inaugurata in occasione della tredicesima edizione del festival dei libri sulle mafie


Il Presidente Occhiuto in visita oggi alla mostra “Visioni Civiche. L’arte restituita” promossa dalla Fondazione Trame

Occhiuto: “Un modello che deve essere replicato”


A Trame13 le opere d’arte confiscate alle mafie nell’inedito progetto espositivo “Visioni Civiche - L'arte restituita. Dalle opere confiscate alle mafie al bene comune”

La mostra è gratuita e visitabile fino al 28 luglio presso il Museo Archeologico Lametino


TRAME

Menù di navigazione

TRAME365

Menù di navigazione

ABOUT

Menù di navigazione