News


Come nasce un giornale.

Condividi:

di Alessia Sauro e Chiara Grutteria

“Una follia: fondare un giornale di carta”. Esordisce così Giovanni Tizian, nuovo direttore artistico del Festival Trame e giornalista de “Il Domani”, nella discussione su “come nasce un giornale” con i giornalisti Nello Trocchia ed Emiliano Fittipaldi. “Normalmente le testate scrivono di eventi che accadono il giorno prima e nei giorni successivi la notizia scompare, senza informare a pieno il lettore. L’obiettivo de “Il Domani”, invece, è di ricercare e attivare inchieste, per approfondire situazioni lasciate in sospeso, per questo si è deciso di pubblicarlo in maniera cartacea e non solo online”. Il quotidiano Domani vuole essere un giornale internazionale che dia risalto al sud e in particolar modo alla Calabria, raccontando senza paura del potere criminale.  Prende la parola Emiliano Fittipaldi, vicedirettore della testata, che si è detto sorpreso dalla buona riuscita del giovane progetto e dalla squadra esterna di “inchiestisti” creata, con Attilio Bolzoni e Andrea Palladino, che punta al buon giornalismo creando un forte ritorno mediatico. Tra i loro propositi c’è anche quello di dimostrare che spesso politici e potenti sono coinvolti in affari loschi, che il popolo non conosce, o raccontare dei soggetti mai stati intervistati e dare delle immagini che vanno oltre i comunicati stampa. E’ così che Nello Trocchia introduce al documentario su Matteo Messina Denaro “ Il superlatitante” che è uno speciale prodotto da Videa Next Station per Discovery Italia che sarà proiettato a Trame oggi, 2 Settembre. A concludere l’incontro è l’invito rivolto dai giornalisti al pubblico: ricercare una sana informazione, perché la conoscenza rende liberi da ogni ricatto.