News


Confcommercio: da che parte stiamo dopo trent'anni di stragi?

Condividi:

di Luca Martinelli e Gilberto Villella

Trame festival si apre con l’incontro a cura di Confcommercio – Imprese per l’italia. Giovanni Tizian intervista Patrizia di Dio - Vice Presidente Nazionale Confcommercio, incaricata per le Politiche per la Legalità e la Sicurezza"
L’attenzione sui concetti di legalità ed etica: come ribadisce più volte l’imprenditrice, la legalità è conseguente al portare avanti, nella quotidianità, validi principi etico-morali. Infatti, la legalità non è condizione sufficiente per sconfiggere o quantomeno avversare le mafie se non accompagnata da un senso morale. Si evidenzia una stretta correlazione tra l’essere ligi al dovere civile, l’evitare ogni genere di opportunismo e di connivenza con pratiche di tipo mafioso ed il non essere al centro del mirino da parte di gruppi criminali.
Viene sottolineato più volte il diritto di fare impresa, che deve essere garantito al cittadino perbene, ma ciò può essere impedito dalla oppressione del giogo mafioso. Le associazioni di categoria si schierano apertamente unendosi alla comunità, aiutando gli imprenditori a esercitare liberamente i propri diritti e ad accompagnarli anche nelle aule dei tribunali in nome degli ideali di libertà e giustizia.
Viene evidenziata inoltre la difficoltà del periodo Covid: in questi mesi numerosi gruppi mafiosi si sono avvicinati agli imprenditori promettendo garanzie economiche allo scopo di acquisire sempre più potere all’interno delle attività fino ad assumerne il pieno controllo. La piaga dell’usura- considerata subdolamente peggiore dell’estorsione- si sta aprendo sempre di più nei territori a causa delle difficoltà economiche dovute alla crisi economica.
Fondamentale è inoltre il ricordo di chi in passato ha combattuto – a prezzo della vita- contro le mafie e ci ha permesso oggi di parlare con più libertà di queste tematiche fondamentali.
Infine, l’incontro si è chiuso con un’esemplare citazione a Sant’Agostino “Sono tempi cattivi, dicono gli uomini. Vivano bene e i tempi saranno buoni. Noi siamo i tempi.”