News


L’associazionismo culturale calabrese si confronta al Civico Trame di Lamezia Terme

Per aprire un varco nella possibilità di mettere in rete le realtà che animano la vita culturale del Paese

Condividi:

 

Un’occasione di incontro e dibattito tra operatori e associazioni del comparto culturale in Calabria quella promossa e ospitata dal centro culturale Civico Trame di Lamezia Terme, che apre un varco nella possibilità di mettere in rete le realtà che animano la vita culturale della regione e del Paese.

“L’accesso all’arte e alla cultura è un diritto di tutti: la Cultura può aiutarci a vivere in un mondo migliore”. Ha esordito così Ledo Prato, manager culturale e presidente della Rete delle Culture, dialogando con Nuccio Iovene e Cristina Porcelli, rispettivamente presidente e direttrice della Fondazione Trame, e con Santo Vazzano, presidente di Jobel – Consorzio di Cooperative Sociali. E da qui si è mosso il confronto, dedicato agli addetti ai lavori, sulla Riforma del Codice del Terzo Settore che sta ridisegnando il no profit e l’impresa sociale nel nostro Paese, riordinandone la disciplina tributaria, le caratteristiche e le funzioni.  Una riforma che porta con sé molti cambiamenti, in alcuni casi penalizzati, ma anche tante opportunità che potrebbero irrobustire gli Enti e l’intero comparto.

I rappresentanti di piccole e grandi associazioni, volto di un patrimonio dal valore immateriale, hanno discusso sulle difficoltà e le incertezze che accompagnano questa fase ibrida di transizione, in risposta alla quale lo scorso 10 maggio a Roma è stata istituita la “Rete delle Culture”, promossa dall’Associazione Mecenate 90 anche grazie all’iniziativa della Fondazione Trame e di Consorzio Jobel, per farne un luogo di contaminazione, aggregazione e coprogettazione, strumento di formazione per la crescita degli Enti aderenti e di rappresentanza di un mondo spesso lasciato ai margini. Un esperimento che è anche una pratica di valori condivisi che in Calabria fanno maggiore fatica a sopravvivere.

La riforma del Terzo Settore obbliga gli Enti a ripensarsi. Per questo, aggregarsi e strutturarsi diventa fondamentale: la Cultura è un bene diverso da tutti gli altri e la creazione di valore è da misurarsi con strumenti che non diano conto esclusivamente degli aspetti economici, finanziari e patrimoniali ma anche delle capacità in termini di funzione identitaria e memoria storica, contributo al dibattito culturale, mediazione creativa, connettività, capitale culturale, peso sociale. Oltre i numeri, il bilancio in questo caso è un manifesto di valori. 

“La Rete delle Culture è un’opportunità da cogliere per non finire ai margini del nostro Paese. Oggi ci è chiesto di fare di più ed essere efficaci. Il settore culturale, principalmente nel mezzogiorno, dipende al 95% da risorse pubbliche. Si tratta di un sistema di attribuzione che obbliga alla competizione anziché alla cooperazione. Ma per concorrere all’interesse pubblico è necessario collaborare, per questa ragione stiamo costruendo l’impresa collettiva che è la Rete delle Culture”. Prato, dopo una lunga riflessione sullo stato dell’arte del settore culturale italiano ed una analisi sulle difficoltà che si trova a vivere il mondo dell’associazionismo soprattutto nel sud Italia, avvalorata e confermata dalle esperienze condivise dai partecipanti al dibattito, ha illustrato gli obiettivi della Rete, la cui adesione è aperta a tutte le realtà che vogliano condividerne lo Statuto e la Carta dei Valori.

Il prossimo 16 dicembre avrà luogo la prima assemblea nazionale, ospitata dal Forum del Terzo Settore, a Salerno. La prima sfida, entro quella data, è raggiungere il numero di cento Ets iscritti per costituire la Rete ai sensi dell’art 41 del Codice del Terzo Settore e ottenere l’iscrizione al Runts.

Hanno offerto la propria testimonianza e il proprio contributo al dibattito tramite i loro rappresentanti, tra gli altri: Impresa Sociale Kairos (Pizzo), Comunità Patrimoniale Giudecca (Reggio Calabria), Le Cento Città, Culture in Movimento, Ciclo Officina (Crotone), Mammut Teatro, Sistema Bibliotecario Lametino, Glicine Associazione e rivista culturale, Associazione Progetti Finanziamenti e Territorio, Una Associazione culturale, Legambiente Lamezia, Tele Elettra, Premio Muricello, Biblioteca Scrittori Di Calabria, Fondazione Mediterranea (Lamezia Terme), Jacurso da Vivere e Imparare (Jacurso), Circolo Arci Ubi Maior Another Beach Project (Isola Capo Rizzuto), Makros (Petrizzi), Cooperativa Kiwi, Fabbrica dei saperi (Rosarno), Fili Meridiani (Pallagorio), Fondazione Città Solidale, Associazione Gutenberg Calabria (Catanzaro).